Sextus

“Sextus” in latino significa sesto, e ho scelto questo titolo per due motivi, il primo è perché sulla copertina dei miei libri un numero c’è sempre, e poi perché fa riferimento al sesto senso (che non è quello che state pensando…). Si tratta di una raccolta di racconti brevi, oddio, brevi secondo il mio standard […]

Le verità di Pinocchio

Le verità di Pinocchio Indietro alla prima puntata Sesta puntata   Tutto quel trambusto non poteva però passare inosservato; c’erano quelli che si piantavano sull’uscio della bottega per star sicuri che il malfattore non tentasse d’entrarci, c’era chi scappava in casa per paura d’esser mezzo in mezzo, c’erano delle giovani servette che spalancavano la finestra […]

S.

S.   La porta di una carrozza si apre davanti a me, quasi in silenzio, giusto un sospiro e il sordo rumore di un finecorsa. Osservo i due scalini che mi conducono al vestibolo interno più in alto e non so decidermi. Sul marciapiede si sta avvicinando con fare deciso una persona che indossa una […]

21 marzo – Giornata della poesia

In questa giornata avrei pensato di proporre un testo pescato dal vecchio mio libro “Nove eresie più una fiaba”.  Per la precisione si tratta di un’antologia di racconti scritti durante un amplissimo arco temporale (dai tempi di MySpace, tanto per intenderci) e che trattano un argomento abbastanza inflazionato: Dio. Come già si evince dal titolo, […]

Le verità di Pinocchio

Le verità di Pinocchio Indietro alla prima puntata Terza puntata   Giunto a casa di Pinocchio, il medico comprese perché fosse stato condotto quasi a forza fin lì e acconsentì a visitare il malato. Pulì col fazzoletto dei piccoli occhiali a mezzaluna, ne osservò in controluce la limpidezza delle lenti e quindi li inforcò con […]

Le verità di Pinocchio

Le verità di Pinocchio Indietro alla prima puntata Seconda puntata   Insomma, quando le cose vanno male possono sempre peggiorare, e infatti una mattina di Maggio, dopo una notte bagnata da una pioggerellina sottile sottile, a Geppetto mancò la forza di alzarsi. Se ne stava lì, seduto sulla sponda del pagliericcio, col camiciotto da notte […]