Refosco

Refosco

Sicuro te me vol ben
se tanta pasiensa te ga
de scoltar quel caşin che go in testa.
Tempo indrio el sol ga başà
el viso dolsi de la tu mama
e lagrime dal siel i sui pie ga bagnà.
Come de una mata voia malà
trovo paşe in tua compagnia
e a ti me arendo con duti i mi sensi.
Pensa che şa me fa bave
el rumor de sorgente
co in tel bicer mio te se cali.
De mile staioni i profumi
altro no xe che una coverta
che duto de intorno me involtisa.
Scuro te son ma s’ceto
e gnente te scondi
in tel color che nisun pitor pol imitar.
Ala fine riva sui labri
fresco e sensa malisia
una sorta de başo che xe una promesa.
E alora sento che mi son ti
sento el sangue dei mi veci
la fadiga de duta una vita
cuciai tra la tera e i fileri.
A lori devo sto grasie
devo anca se più no i xe qua
e come se i fusi con mi
ala salute de lori also sto otavo.
E quando te trovi la strada
dela mia boca e dela mia testa
dutintun mi son fora del tempo
e de quel che me crusia te me porti lontan.

213

One thought on “Refosco

Leave a Reply

Rispondi