Şbaredando

Şbaredando

Nero carbon sul ramo più alto
quel merlo me varda e me siga

Ciò ti, anima longa, te intrighi!
Ala, fora subito de caşa mia!

Lu no sa che mi son de ribatin facile
e che me ven voia de dirghe cusì
No me par che te rugni co şe l’erba taiada
e sto pra’ te şe come un pranso de nose!
Mi stavolta però stago sito
tanto so che şe una comedia
e duto quel gheto altro no servi
che a far bela figura cola sua merla
par far veder che şe lu che comanda.
E anca se quel colo va ‘vanti
no me stanco de starlo a sentir
cusì duti do se dişemo contenti
lu col suo far de paron de contrada
e mi de capir che semo qua vivi.

 

52
Leave a Reply

Rispondi