Quattro per due

Quattro per due

Te go rubà la primavera,
co se varda sensa veder e se vedi sensa capir.

Te go visù in estate,
in dute quele giornade che le par no finir mai.

Te compagno in autuno,
pala strada che ga i colori del sol che se tocia in mar.

Te strenşarò in inverno,
col spago che una s’ciafa de Bora me porti via
de ti.

107
+4
Leave a Reply

Rispondi