Saredo

Saredo è un colle che fa parte del paese di Isola d’Istria (ai tempi della Serenissima e poi della defonta solamente “Isola”). Si tratta di una zona ancora, per fortuna, poco urbanizzata, nella quale si possono fare delle piacevoli escursioni tra vigne e olivi.

Saredo è anche il titolo di una poesia di Editta Depase Garau, composta ovviamente nella sua (e mia) lingua, ovvero l’istro-veneto di Isola.
Nota di lettura: la ş (esse con la cediglia) è sonora , come casa, rosa, mese, ecc.

SAREDO

De fianco na casa ruşina sbecolada
forsi bandonada
iera strucà un simo de more garbe
Me son fermada, ma po’ me son pentida

Dutintun riva me sorela:
– Bruta lova insempiada
xe mama che te speta rabiada
e ti te torni duta tacadissa
cola boca de imbriagona! –

Corevo şo pa Saredo
col fià in gola
e le piere che le me fasseva s-cioche soto i pie
tegnivo strente quatro more şerve
pa russarme le macie a Fontanafora

Mi speravo de rivar prima
ma la polenta e tocio iera şa finida
a nissun ghe fassevo pena
a mi me spetava un altro tocio
e de ‘ndar a leto sensa sena

603
Leave a Reply

Rispondi