To je Histria

4 thoughts on “To je Histria

    • Eccome se c’è l’olio, anzi c’è un cultivar che ha proprietà insuperabili e che frutta solamente qui, la Bianchera/Belica (pr. beliza).
      L’olivo è stato portato in queste terre dai fenici e dai greci, poi i romani ne hanno duffuso la coltivazione lungo tutta la costa dalmata. Proprio in questi paraggi sono state rinvenute parti di un’antica macina da frantoio di età romana. Strabone narra di un fiorente commercio d’olio da Aquileia verso le pianure danubiane. Ebbene, si trattava di olio proveniente da Tergeste e dall’Histria.
      I legati di Carlo Magno riportano l’abbondante presenza di oliveti in Istria, e nei secoli successivi l’olio divenne fonte di reddito non solo per i produttori, ma anche per i gabellieri che si alternarono in questo francobollo di terra (decime, dazi, imposte, ecc.) da Federico III d’Asburgo fino alla Venezia del XVIII secolo, cosicché si sviluppò un’ininterrotta attività contrabbandiera tra la costa e l’entroterra (oltre al contrabbando di sale, la cui strada passa proprio davanti a casa mia).
      Purtroppo a causa del clima rigido la Bianchera subì parecchie decimazioni nel corso dei secoli, e quelle del 1929-1930 furono micidiali.
      Oggi, per aumentare l’impollinazione della Bianchera e della Carbona (e quindi la produttività), sono stati aggiunti cultivar non autoctoni, come il Pendolino e il Leccino, ma al momento della raccolta avviene la selezione delle olive in modo da ottenere una Bianchera “pura”.
      La Bianchera è abbastanza delicata, sensibile alla mosca e alla tignola, però non ha problemi con la salsedine. Infatti in Istria ho visto piante rigogliose a ridosso della riva. Non produce tantissimo (resa olearia dal 15% al 20%), però ha un contenuto di polifenoli stratosferico, da 300mg/kg a 450mg/kg, mediamente il triplo degli extravergini italiani, e per questo motivo definire “piccante” la Bianchera è perlomeno riduttivo, in quanto si tratta di fuoco vero nella gola.
      A me l’olio piace amaro come il fiele, e me lo procaccio da un piccolo produttore istriano che raccoglie le olive (rigorosamente a mano) un po’ prima della maturazione completa. Con quello poi uso condire i carciofi istriani, piccoli e amarissimi, roba per uomini duri. 😀
      Ahoj

Leave a Reply

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: