Ceşeta

Attenzione: se non conoscete l’istro-veneto di Isola (caratteri speciali compresi) vi concedo di arrendervi subito.

CEŞETA

 

Piere cavade su piere spacade
dute imbroiade una su l’altra
le coverşi del tempo la sua coltra
come sta le vece copie spoşade.

Se rampiga el muro su pal monte
come un ragno che lavora col fil
giusto do volti fa de campanil
però anca quei şe meio de gnente.

De copi şe el teto dela ceşeta
ma el coto şe iutà dala piera
sorele da una granda masiera
che bora giasada ten sempre neta.

La me volta le spale quela ceşa
şe de ani che mi son in barufa
le manestre tropo longhe me stufa
e cusì anca quela  fa l’ofeşa.

Mi so ben che fin là no poso rivar
no şe ponti e me manca le ale
go paura de scoltar le sigale
che solo volendo le riva volar.

E cusì no resta altro che piera
ma drento de quela şe la fadiga
de chi ga lavorà come formiga
per far su un’idea che par vera.

 

207
Leave a Reply

Rispondi